Incontri, prove ed esperimenti

Buon pomeriggio a tutti =)
Non so da voi, ma da me, questa domenica pomeriggio è grigia e fredda, e non invoglia troppo ad allontanarsi dal posticino accanto al caldo termosifone…
Così, per dedicare finalmente un po’ di tempo a questo blog, mi piacerebbe parlarvi di un meeting tutto analogico tenutosi lo scorso Ottobre (chi di voi segue il Blog di Mafalda De Simone, probabilmente,avrà letto già qualcosa, magari QUI).
è stato un incontro tutto al femminile e principalmente analogico: solo ora, riordinando le foto per la pubblicazione qui, mi sono resa conto di aver portato con me, quel giorno, un arsenale!

Ho approfittato di questo incontro per ultimare i rullini reduci dall’estate e provare qualcosa di un po’ più sperimentale.
Cominciamo.

La mia amica Carla, aveva espresso il desiderio di provare una Zenit, e così ho deciso di portare la Zenit ET, già carica con un Agfa 400 che ho terminato mentre attendevo l’arrivo delle altre.

Immagine
Infiltrazione di luce dovuta a qualche spiraglio durante la bobinatura a mano della pellicola =/Immagine

Immagine

Immagine

 Durante l’estate decisi, poi, di provare a “rovinare” alcune pellicole e vedere che effetto avrebbe fatto (qui la foto).

Data la scarsa reperibilità di pellicole in questa isola sperduta, ho ben pensato di prendere un Kodak Colorplus 200 da 36 pose e dividerlo in 3. Adesso potevo fare tre prove diverse: il primo fu affogato in un bicchiere di Bitter Rosso, il secondo sommerso dalla Pepsi ed il terzo ubriaco fino al midollo nella birra sgasata.
Sono stati in queste condizioni per 24h e, subito dopo, parzialmente risciacquati e riposti ad asciugare fino a quando, il giorno prima del meeting, decisi che era arrivato il loro momento!
Il primo dei tre ad essere usato è stato il KodaBitter che, anche se l’avessi risciacquato molto, risultava molto appiccicoso: la mia più grande paura era che la pellicola si sganciasse ed, allo sviluppo, mi ritrovassi un rullino vuoto! Per questo ho preferito caricare questo rullino nella Canon T50, che avevo portato con me per testare le due nuove ottiche appena prese: ammetto che questa macchina, a cui sono molto legata sentimentalmente, aveva un obiettivo che di certo non è fantastico, un 28-80 che, avendo la messa a fuoco minima a 2 metri (sì, DUE metri), non mi ha mai entusiasmata più di tanto. La scorsa estate, in uno dei miei periodi di dipendenza-da-ebay trovai finalmente un’offerta vantaggiosa per il 50ino, ma non solo: oltre ad un Canon FD 50mm f1/8 c’era anche un Vivitar, con attacco FD, 28mm f/2.8. Il meeting è stata la prima occasione per provarli. D’istinto, ho preferito montare il 28mm.Pensavo che me ne sarei stancata subito: se avessi voluto scattare a 28mm potevo tranquillamente tenere il mio vecchio obiettivo… e invece no!
L’ho adorato, da subito, molto più del 50mm e, da allora, raramente l’ho sostituito!

ImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagine

Questa è stato l’intruglio che mi è piaciuto di più! In alcuni punti, queste alerazioni cromatiche dovute al bitter mi fanno impazzire!

Dopo pranzo, è arrivata anche Carletta, un po’ in ritardo, ed insieme, abbiamo deciso di caricare la Zenit ET con il Kodak Ubriaco.
Le foto che vedrede, quindi, sono un po’ mie e un po’ sue.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

La birra, come avrete notato, ha regalato alla pellicola questo torno azzurrino, smorzando  i toni caldi che con questa pellicola solitamente esplodono.

Come avrete capito lo scopo di questo incontro era anche provare, per una volta, fotocamere che non fanno parte della nostra collezione ed il mio amore per obiettivi panormici mi ha spinto a provare La Sardina di cui Mafalda aveva sempre parlato tanto bene e che io avevo solo osservato su internet.
Quindi, caricatala con l’ultimo esperimento rimasto, il KodaCola, sono partita a scattare

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Ero spinta da una forte curiosità per questa macchinetta: di solito con le toycam, le divido in quelle che amo a prescindere e quelle che hanno qualcosa che non mi convincono. La Sardina, è sempre stata una di queste ultime.
Guardando le foto mi sono resa conto che c’è una certa disparità tra ciò che si vede nel mirino e l’obiettivo, magari è solo minima, ma appena presa in mano questa macchinetta, che sembra veramente una scatola di sardine alla vecchia maniera, guardando attraverso il mirino mi sono sentita spaesata: sembrava molto un fisheye e, soprattutto, prendeva qualcosa di troppo, nell’inquadratura. Guardando le foto, invece, ho notato che la distorsione a barilotto, anche se è semrpe presente, è meno accentuata.
In poche parole: è un “giocattolo” molto carino ma non credo la baratterei mai per la mia Sprocket!
Sarà che appena presa, da subito, mi ha affascinato, anche con la distorsione ai lati e tutto il resto, ma non mi ha mai deluso. Ma delle fotocamere da amare a prescindere fanno parte anche le nuove arrivate e appena riuscirò ad ultimare (se questi cieli grigi daranno mai tregua) le prove della Holga135BC e della Diana F+ vedremo se una di queste riuscirà a spodestarla!

Annunci

6 thoughts on “Incontri, prove ed esperimenti

  1. Ultimamente stavo giusto pensando di riprendere a fare esperimenti strani con le pellicole, e mi sa che anche io ne produrrò qualcuna degna del miglior circolo alcolisti anonimi. Due anni fa feci ubriacare nel liquore fatto in casa un Kodak Color Plus 200, e ottenni delle cose meravigliose *-*

    Le foto sono fantastiche, come al solito, e devo dirti che adoro quel light leak della prima foto: sembra che la luce provenga da quel portone che c’è proprio dietro alla macchia gialla *-*

    1. per me questa è stata la prima volta ma devo assolutamenee riprovare: caffè, vino rosso, qualche bicchierino rubato alla scorta di papà… credo che questi esperimenti creino più dipiendenza dell’alcool stesso! xD

      Grazie mille per i complimenti *.* e l’infiltrazione anche a me piace tantissimo: per una volta, la mia fretta, non ha fatto cose troppo negative!

  2. Sono splendide *-* adoro follemente le tonalità create dalla birra, così soffici ed eteree! Il mio unico tentativo di sperimentazione non è andato a buon fine, non sono riuscita a far asciugare bene la pellicola e quindi mi è uscito un rullino vuoto .-. tu come hai fatto??

    1. Grazie mille per i complimenti!
      Può essere che il tuo rullino foss eun po’ “attaccato” al resto e che quindi non scorresse bene?
      Io ho avuto questo problema con il kodak-bitter e con un rullino lavato in lavastoviglie: la pellicola faceva un bel po’ di resistenza ed ho tirato fuori un po’ più di pellicola ed, in alcuni casi, per farla avanzare, la fotocamera “soffriva” un po’!
      Io ho semplibemente messo i rullini a bagno per 24h al termine delle quali li ho risciacquati con acqua fredda e messi sul davanzale per 3-4 giorni a sgocciolare. Infine, mi sono dimenticata di loro per più di un mese!
      Adesso non vedo l’ora di sperimentare altre “ricette”!
      ^.^

      1. Grazie mille a te!! Proverò come hai fatto tu, magari li ho lasciati per troppo poco tempo nel “dimenticatoio” ahah ho anche dato la colpa alla mia povera Sardina, ma a questo punto non credo sia colpa sua! Grazie ancora! Non vedo l’ora di gustarmi le tue prossime sperimentazioni **

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...